Titolo della pagina  

 

       
   
CAPANNE
Alzasca (it)
Club Alpino Svizzero CAS
Sezione Locarno
 
 
 HOME
 Sezione
 Attivi
 Giovani
 Seniori
 Capanne
   Alzasca News
   Alzasca (it)
   Alzasca (de)
   Alzasca (fr)
   Alzasca (en)
   Basodino News
   Basodino Contact
   Basodino (it)
   Basodino (de)
   Basodino (fr)
   Basodino (en)
 Cultura e natura
 Soccorso
 Extranet
   
Documento senza titolo
 
CAPANNA ALZASCA
"Siate i benvenuti
sarà un piacere per noi potervi ospitare"
 
Indice
Informazioni generali
Guardiani
La Storia
Prezzi pernottamento
Accessi alla capanna Alzasca
Cubo blu
   
Informazioni generali


Ubicazione Alpe Alzasca
Valle Maggia, Someo, alta Val Soladino
Altitudine
 
1734 m.s.m
Carta CNS 1:25.000
1292 Maggia e 1291 Bosco Gurin
Apertura
 
Tutto l'anno
Telefono
 
091 753 25 15
Responsabile capanna
e informazioni


Durante il perodo dal 18 ottobre 2015 al 21 maggio 2016
Bryner Enrico
Via Cantonale 55
6654 Cavigliano

091 / 780 72 24
E-mail
Prenotazioni e informazioni Durante il periodo di gestione, solo estate, direttamente per telefono in capanna 091 753 25 15
Annullamenti sono da comunicare obbigatoriamente in capanna.
CGC condizioni generali di contratto
La Capanna
La capanna è stata realizzata in due vecchi cascinali dell'alpe Alzasca, i quali sono stati sistemati per rispondere alle esigenze degli ospiti.
Essa è completamente arredata e dispone di una cucina con una stufa a legna e una a gas, forno, stoviglie e posate per trenta persone. Acqua corrente e servizi igenici si trovano all'interno; l'illuminazione viene fornita da una turbina idroelettica accoppiata a celle fotovoltaiche.
I posti letto, 27 in tutto, dotati di piumoni, sono ripartiti tra due stabili (13 + 14 + 7 emergenza).
Telefono di soccorso nell'edificio principale.
 
 
La capanna è aperta tutto l'anno (ma in inverno i posti letto sono ridotti a venti). Durante il periodo estivo viene gestita dai soci della sezione durante i fine settimana e, per un periodo limitato, anche in settimana.
 
 
In presenza di un guardiano è possibile avere la mezza pensione, che consiste in primo piatto, piatto principale e dessert e per colazione, in un ricco buffet di formaggi, pane diverse marmellate,"müesli",caffe, thé, cioccolata.
Nel limite delle disponibilità serviamo prodotti locali e in parte bio (carne). In assenza del guardiano sono a disposizione bibite (vino, birra, coca, sprite), sale, zucchero; limitatamente anche pasta e riso.
 
 
Vi auguriamo un ottimo soggiorno in capanna
Torna a inizio pagina
 
Guardiani
Introduzione La capanna vive e funziona esclusivamente grazie al lavoro e alla dedizione di numerosi volontari che si prodigano per assicurare agli ospiti un piacevole soggiorno.
Stagione invernale
18. 10. 2015 - 21. 05. 2016
La capanna è aperta e funzionale.
Sono disponibili un massimo di 11 posti letto.
Stagione estiva
21.05. 2016 - 22.10.2016
Dal 21. maggio al 22. ottobre la capanna è custodida continuamente.
Durante questo periodo vi possiamo offrire la mezzapensione.

21. Maggio al 28. Maggio

28. Maggio al 11. Giugno
Rolf Steinegger e Fritz Jaggi

11. Giugno al 18. Giugno
Franco Ramelli e Nicola Martinoni

18. Giugno al 02. Luglio
Florin Sina

02. Luglio al 16. Luglio
Cecile Benz e Martina Platzer

16. Luglio al 30. Luglio
Regula e Peter Diethelm

30. Luglio al 13. Agosto
Sabine Grossrieder con Elke e Cornelia

13. Agosto al 27. Agosto
Trudi Kreis e Peter

27. Agosto al 10. Settembre
Gabi Breusch e Roland

10. Settembre al 24. Settembre
Iris Braig e Michael

24. Settembre al 08. Ottobre
Stephanie e Michael Wälchli

08. Ottobre al 15. Ottobre
Renato Buzzini e Dante Ferrari

15. Ottobre al 22. Ottobre
Tatjana Grah e Guido Neubert




Torna a inizio pagina  
   
La storia
Per molti anni la regione di Alzasca rimase poco frequentata.
Vi salivano gli alpigiani a caricare l’alpe, che coi suoi quattro corti é uno dei più estesi della Valmaggia, i pescatori per accedere al laghetto, dai cangianti colori, adagiato tra i picchi, che stanno alle sue spalle e i boschi di larici, con ampie macchie di mirtilli e di rose delle alpi, e, in autunno, i cacciatori, per stanare le marmotte sulle falde del Pizzo Alzasca o avvistare i camosci al riparo tra i cespugli che crescono sull’erto pendio settentrionale del Cramalina.
Fu agli inizi degli anni 1950 che alcuni membri della sezione di Locarno del Club Alpino Svizzero presero contatto coi rappresentanti del Patriziato di Someo, proprietario dell’ alpe, per perfezionare l’acquisto di una delle tre baite del Corte di Mezzo, a quota 1734 m destinata a divenire il primo nucleo della futura capanna.
La stessa fu sistemata e arredata con sforzi non indifferenti, poichè il materiale poteva essere trasportato mediante filo a sbalzo solo fino alla Rotonda, 400 m più in basso, e festosamente inaugurata nel 1955.
Com’era prevedibile questo rifugio, che sorge in una natura incantata, seppe suscitare, con la sua rustica semplicità, l’interesse di numerosi alpinisti, desiderosi di trovare un’autentica oasi di pace.
Trent’anni dopo si procedette alla riattazione di una seconda baita, adibita a dormitorio.
Nel 1997 infine, con un’aggiunta alla costruzione iniziale, si incorporarono i servizi, la cantina e il deposito della legna, portando il numero delle cuccette a una quarantina.
Ai pannelli solari si aggiunse una turbina ad acqua, in modo da garantire l’approvigionamento di energia elettrica. Le vie di accesso, accuratamente mantenute e segnalate, si moltiplicarono: dall’erta scalinata
che sale da Someo, scavalcando la cascata del Soladino sul ponte romano, si aggiunsero i sentieri da Cevio, per Morella-valle-Costa, che è poi quello percorso dalle mandrie per raggiungere il Corte Nuovo; da Linescio, per Morella e Corte del Lago, dove si ammira quell’ altro gioiello che è il Lago di Sascola, le cui rive scoscese mantengono il ghiaccio fino a stagione inoltrata, quindi al rifugio per la Bocchetta di Cansgei; sempre da nord, dalla Collinasca, attraveso la meravigliosa selva del Montaccio.
Non meno suggestivi gli accessi dalla Valle Onsernone: da Vergeletto, per la Valle della Camana e la Bocchetta di Doia o da Gresso, per Monte-Alpe di Remiasco-Bocchetta di Doia. I tempi di percorrenza variano tra le 4 e le 6 ore.
Le cime che fanno da contorno al Rifugio: Pizzo Alzasca, Pizzo Molinera, Cima di Catögn, Cramalina, Rosso di Ribbia, sono raggiungibili senza particolari difficoltà.
Condizioni di neve permettendolo, è possibile, salire al rifugio con gli sci, nella stagione primaverile, da Vergeletto per la Valle della Camana e le bocchette di Catögn e Cansgei.
La frequenza in Alzasca è pur sempre ridotta a poche centinaia di appassionati e non offre la possibilità per mantenervi un guardiano.Conserviamola cosi ancora per molti anni, per poterci godere intimamente il suo fascino recondito.
Torna a inizio pagina  
   
Prezzi pernottamento
Membri CAS e membri di società aventi reciprocità
Adulti CHF 17.-
Membri O.G. CHF 8.-
Giovani fino a 10 anni Gratis
Non membri
Adulti CHF 24.-
Giovani da 10 a 20 anni CHF 12.-
Giovani fino a 10 anni Gratis
Prezzi pernottamento e mezza pensione
Membri CAS e membri di società aventi reciprocità
Adulti CHF 53.-
Membri O.G. CHF 35.-
Giovani fino a 10 anni CHF 22.-
Non membri
Adulti CHF 60.-
Giovani da 10 a 20 anni CHF 39.-
Giovani fino a 10 anni CHF 22.-
Torna a inizio pagina  
   
Gli accessi alla capanna Alzasca
Carta online http://www.ti-sentieri.ch/?x=688700.0&y=125080.0
dalla Vallemaggia da Someo 370 m. Rotonda 1325 m. corte di Fondo 1545 m.
Durata: 4h 30'

da Someo 370 m.
Piandalevi 1009 m. Alpe di Fiümignia 1181 m. Alpe Arbeia 1518 m.
Tra il bivio a ca 620 m. e il ponte della Fondra il sentiero è a tratti esposto.
Durata: 5h

da Cevio 420 m. Morella 1268 m. Costa 1365 m. Corte Nuovo 1643 m.  
Durata: 5h

da Cevio
420 m. Morella 1268 m. Lago Sascola 1740 m. Bocchetta di Cansgei 2036 m.              
Durata: 5h
dalla Valle di Campo da Linescio 664 m. Morella 1268 m. Lago Sascola 1740 m. Bocchetta di Cansgei 2036 m.       
Durata: 5h

da Collinasca
780 m. Alpe Orsalii 1701 m.
Bocchetta di Cansgei 2036 m
Durata: 4h 30’

da Niva via Corte di Cevio
Itinerario faticoso su terreno impervio, da Corte di Cevio il sentiero è scomparso.
Itinerario solo per alpinisti esperti capaci a muoversi e orientarsi in questo tipo di terreno.
Difficoltà: T5

Dalla Valle Onsernone da Vergeletto 900 m.Fümegn 1338 m. Alpe Doia 1737 m. Bocchetta di Doia 2057 m.
Durata: 3h 30

da Gresso
994 m. Monte 1467 m. Alpe di Bietri 1687 m. Bocchetta di Doia 2057 m.
Durata: 4h

Accesso invernale - itinerario sciistico


da Vergeletto 900 m.Fümegn 1338 m. Alpe di Categn 1874 m. Bocchetta di Categn 2165 m. Bocchetta di Cansgei 2036 m.
(solo con condizioni sicure)
Traversate verso altre capanne alla capanna Ribia 1996 m. via Bocchetta di Doia 2057 m. Alpe Doia 1737 m. alpe di Categn 1874 m.              
Durata: 4h

alla capanna Ribia 1996 m. via Bocchetta di Cansgei 2036 m. Bocchetta di Categn 2165 m.   
Durata: 4h

alla capanna Arena
1687 m.via Bocchetta di Doia 2057 m. Fümegn 1338 m. Dürnei 1098 m.
Durata: 6h

alla capanna Salei 1777 m.via Bocchetta di Doia 2057 m. Fümegn 1338 m. Vallaccia 1049 m.
Durata: 6h

alla capanna Grossalp 1900 m. via Bocchetta di Cansgei 2036 m. Collinasca 780 m. Cimalmotto 1405 m. (autopostale) Passo Quadrella 2137 m.
Durata: 8h
Torna a inizio pagina  
   
Cubo blu
Anno internazionale della montagna 2002
Artista: Ernesto Oeschger, Intragna
Club Alpino Svizzero, Sezione Locarno
Lago Alzasca (1850 msm), settembre 2002

Chi l'ha visto galleggiare sullo specchio cristallino del laghetto d'Alzasca ha potuto rendersi conto, ancora una volta, come la semplice combinazione di elementi primordiali sia giˆ di per s un atto artistico. Cosi, il cubo in legno di Ernesto Oeschger - scultore originario di Basilea, ma attivo da oltre trent'anni a Intragna - ha suscitato ammirate impressioni in chi lo ha potuto osservare mentre vagava sulla superficie dell'acqua, giocando con i riflessi del lago o armonizzandosi nel cangiante cromatismo delle onde, o ancora dialogando con le sue mutevoli prospettive con gli alberi, le montagne, la natura circostante.Il cubo, formato dall'incastro di dodici travi in legno (ciascuna della lunghezza di 1,85 metri e per un peso complessivo di 180 kg)  stato fissato al fondo del laghetto da una zattera in acciaio, con un cavo che ha dato modo alla struttura di muoversi a dipendenza del vento e della corrente. Uno spigolo appoggiato all'acqua, il resto proteso verso il cielo: <Una forma semplice, chiara - spiega l’artista - che richiama le forme perfette dei cristalli e delle montagne; nel contempo una forma molto fragile, quasi danzante sull'acqua, dalla quale ho voluto scaturisse l'dea di leggerezza.

L. Tomamichel
       
Torna a inizio pagina